logo small

Booking.com

Visitare la villa romana del Casale di Piazza ArmerinaLa  villa romana del Casale di Piazza Armerina, in provincia di Enna è sicuramente uno dei più suggestivi monumenti dell'intera Sicilia. Si tratta dei resti di una lussuosa villa del tardo impero romano, incredibilmente ben conservati. La villa è formata da oltre 40 stanze su 3500 metri quadri di superficie in un susseguirsi continuo di colonne, tracce di affreschi, resti di sculture e soprattutto incredibili mosaici. Grazie ad un sofisticato sistema di passerelle sopraelevate i visitatori possono ammirare ogni angolo della villa del casale: dalle terme al peristilio per arrivare alla basilica ed agli appartamenti privati.

La villa romana del Casale rientra tra i siti siciliani patrimonio mondiale dell'umanità dell'Unesco. L'edificio venne costruito nel tardo impero romano (IV sec. d.C.) su un'abitazione preesistente e apparteneva ad un aristocratico di grande importanza, tanto che alcuni studiosi hanno anche ipotizzato un imperatore o un membro della famiglia imperiale. Recentemente la villa è stata sottoposta ad un minuzioso restauro e dal 2012 è di nuovo fruibile per intero. Si tratta di un lavoro grandioso se si pensa che le singole tessere che compongono i famosi mosaici, sono grandi solo pochi millimetri.

 La villa del Casale era la parte centrale di un vasto latifondo agricolo. Nelle vicinanze si sviluppò anche un piccolo borgo, Filosofiana. In Sicilia sono trovate altre importanti ville di epoca romana, sebbene meno sontuose di quella di Piazza Armerina, ad es. la villa del Tellaro (presso Noto) e la villa di Patti Marina (presso Messina).

Mosaici alla villa romanaLa villa del Casale è situata ad alcuni chilometri dal centro urbano di Piazza Armerina, in aperta campagna. Dopo aver superato l'area di ingresso, dotata di posteggio, servizi, punti ristoro e souvenir, si entra nel parco che circonda la villa. L'ingresso avviene dal lato delle terme e dell'antico ingresso monumentale. Delle terme sono ancora ben visibili i forni che servivano per riscaldare gli ambienti e le diverse sale tra cui il frigidarium, il tepidarium ed il calidarium.

Oltrepassato il cortile ed il vestibolo (dove ancora si riconoscono tra i mosaici le immagini dei signori della casa), ci si trova davanti il monumentale peristilio con  colonne corinzie ed una grande vasca centrale. A questo punto, grazie alle passerelle sopraelevate è possibile visitare tutti gli ambienti di questa lussuosa casa romana.

Si comincia dal lato nord, esplorando una serie di ambienti privati, tutti riccamente decorati. Tra questi spicca il bel mosaico della "piccola caccia" con la rappresentazione della varie fasi di una battuta di caccia.

Una volta arrivati sul lato nord-est del cortile centrale ci si trova all'inizio dell'area pubblica, dove il proprietario della villa riceveva i propri visitatori. Salendo una scalinata si arrivava ad un lunghissimo ambulacro decorato con il famoso mosaico della "grande caccia". Le scene rappresentano vari momenti della caccia grossa in Africa, per catturare belve da destinare agli anfiteatri dell'impero. Un simile mosaico si trova anche nella villa romana del Tellaro presso Siracusa.

Le passerelle girano poi sul lato sud dove si trovano altri appartamenti privati. Uno di questi ospita il famoso mosaico, ironicamente ribattezzato delle "fanciulle in bikini". Si passa poi all'esterno camminando in un secondo peristilio ellittico e ammirando la bella sala a tre absidi. Tra gli innumerevoli mosaici spiccano qui quelli dedicati alle fatiche di Ercole.

Pianta della Villa del CasaleSi gira infine intorno alla villa per poter ancora esplorare la grande basilica dove il dominus accoglieva i suoi ospiti. Sul lato esterno sono ancora visibili le arcate dell'acquedotto costruito per alimentare le terme e la villa intera.

La villa romana del Casale è sicuramente da consigliare come una tappa obbligata per chiunque visiti la Sicilia. Numerosi pannelli in italiano ed in inglese aiutano a comprendere ogni dettagli artistico e storico sulla villa romana. Prima della biglietteria è anche possibile affittare della audioguide mentre se volete conoscere tutti i dettagli del monumento si consiglia di prenotare una guida professionale privata.

Come arrivare

La villa del Casale si trova a pochi chilometri a sud di Piazza Armerina. Se arrivate via auto dalla zona di Catania/Taormina/Siracusa, dovete prendere l'autostrada A19 Catania-Palemo fno all'uscita Dittaino e poi proseguire per Valguarnera e Piazza Armerina. Provenendo dalla zona di Palermo, invece, percorrete sempre l'autostrada A19 per poi uscire ad Enna e proseguire in direzione Pergusa/Piazza Armerina. Trovate l'ubicazione esatta sulla mappa interattiva sulla nostra scheda dedicata alla villa romana.

E' anche possibile raggiungere Piazza Armerina con le linee di bus interurbani che partono dalle principali città siciliane tra cui Palermo e Catania. Tra le compagnie che effettuano questo servizio vi è la Interbus - Etna Trasporti e la SAIS. Da Piazza Armerina sarà poi necessario raggiungere la villa con un taxi oppure, da Maggio a Settembre, è possibile usufruire del Villabus che ogni ora compie la tratta da Piazza Armerina alla villa del Casale e ritorno.

Orari di apertura e biglietti

La villa di Piazza Armerina è aperta tutti i giorni, festivi compresi, dalle ore 9 al pomeriggio (l'orario di chiusura pomeridiano varia in base alla stagione. Il costo del biglietto di ingresso intero è di € 10 e, come per tutti i beni culturali di proprietà della regione siciliana, i minori di 18 anni e over 65 hanno diritto all'ingresso gratuito.

Dove dormire per esplorare i dintorni

La zona di Piazza Armerina offre numerose strutture ricettive di tutte le categorie e per tutti i budget. Pernottare in questa zona della Sicilia centrale può essere una buona scelta per esplorare i dintorni. Piazza Armerina è una bella città dallo stile medievale con numerose chiese monumentali. La città è celebre per il pittoresco Palio dei Normanni che si tiene ogni anno in agosto. Gli amanti dell'archeologia potranno anche visitare la vicina area archeologica di Morgantina, di epoca greca ed il museo di Aidone che espone la famosa Venere di Morgantina, una pregevole statua restituita alla Sicilia solo da pochi anni dopo essere stata a lungo proprietà di un museo statunitense. In mezzora di macchina è anche possibile raggiungere Caltagirone, la città della ceramica, la costa di Gela o ancora Enna, il capoluogo di provincia. Tra le sistemazioni in bed and breakfast segnaliamo il B&B "La casa sulla collina d'oro" gode di grande popolarità tra i visitatori. Si tratta di una struttura con 4 camere, il clima è informale e la vista dalla terrazza permette di abbracciare Piazza Armerina. La fermata del bus è molto vicina. Particolarmente indicato per gli amanti dell'arte è  Suite d'Autore, un piccolo  hotel con 7 camere ubicato vicino al Duomo della città. Le camere sono arredate artisticamente. Tra i B&B è anche da consigliare Villa Clementine che dispone di un giardino, parcheggio gratuito e piscina. Se cercate un piccolo hotel fuori città potete invece optare per Villa Trigona. La struttura è stata realizzata in un casale d'epoca ed è circondata da un piccolo parco con pini e ulivi e dispone di una piscina e di un ristorante. La villa romana del Casale dista pochi chilometri dalla struttura. Se invece cercate un hotel più classico, sempre fuori dal centro urbano, è possibile usufruire dell'hotel "Al Ritrovo", una struttura a 4 stelle con annesso ristorante-pizzeria.


 

Per informazioni

 

Villa Romana del Casale - Piazza Armerina


Tel. (+39) 0 935 680036

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Ufficio Turismo del Comune di Piazza Armerina


Tel. (+39) 0 935 982246 - (+39) 0 935 982244

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Link utili

 


photo credits: J.Strzelecki/Wikipedia; A.Wahra/Wikipedia - Map credits: B.J. Scheuvens/Wikipedia. Materiale con licenza creative commons

Hotels

#DomenicaAlMuseo

domenica al museo

Ingresso gratuito la prima domenica di ogni mese nei siti regionali.

pantalica tour2

Transfer per l'aeroporto di Catania

Siracusa tour

Chocomodica 2017      Mostra: Da Giotto a De Chirico a Catania     Mostra di fotografia Vivian Maier a Catania     Mostra "La porta dei sacerdoti" a Siracusa
 
Presepe vivente di Ispica 2017     settimana musica sacra monreale