logo small

Booking.com

Palermo, come tante città siciliane è uno scrigno di storia e di monumenti. Per visitare a fondo questa città e scoprirne le bellezze occorrerebbero almento tre giorni. Spesso però questo entra in contrasto con i tempi stretti dettati dalle esigenze della nostra vacanza. Abbiamo allora pensato di raccogliere in questo articolo alcuni consigli per la visita, provando ad elencare i monumenti assoultamente "imperdibili" di Palermo e che è possibile visitare anche avendo a disposizione solo poche ore, mezza giornata o un'intera giornata nel capoluogo siciliano. I tanti altri monumenti non nominati in questo post, troveranno spazio in un altro articolo dedicato alla visita della città.

 Se avete bisogno di una cartina turistica di Palermo, potete trovarne diverse, contenenti le ubicazioni dei principali monumenti, da scaricare e da stampare nella sezione "Cartine di Palermo" dell'area download di Sicily-Holiday.com. Passiamo allora in rassegna i principali monumenti da visitare a Palermo:

 

Palermo in 2 ore

Palazzo dei Normanni (reale) e Cappella Palatina

 

Se avete solo poche ore per visitare Palermo, optate per Palazzo dei Normanni, nel cuore del centro storico. Il nome suo nome deriva dal fatto che i regnanti Normanni lo hanno restaurato e gli hanno dato splendore ma questo edificio, che per secoli ha ospitato sovrani e governatori di Sicilia, è in realtà più antico ed è stato utilizzato anche per molti secoli successivi fino ad ospitare oggi il parlamento siciliano. Al suo interno si trova la cappella palatina, voluta da Ruggero II, piccola ma incredibilmente ornata con mosaici bizantini a tema sacro che sono tra i più belli di Sicilia e dell'intera area del Mediterraneo.

 

Orari: da Lun a Sab dalle 8.15 alle 17.40, Dom e festivi 8.15-13. Biglietti: intero: € 8,50. La cappella palatina rimane chiusa durante le funzioni religiose. Informazioni dettagliate e aggiornate su orari e biglietti sul sito della Fondazione Federico II.

 

 

 

Palermo in mezza giornata

 

Se disponete di qualche ora in più per visitare il capoluogo siciliano, potete dedicare la visita ad alcuni altri monumenti del centro storico. A breve distanza da Palazzo dei normanni si trova la bella chiesa di San Giovanni degli Eremiti.

San Giovanni degli Eremiti

Questa chiesa, risalente al XII secolo, è uno dei simboli architettonici di Palermo. Con le sue caratteristiche cupole rosse è uno dei migliori esempi dello stile architettonico arabo-normanno che caratterizza l'intreccio di culture diverse presenti in Sicilia. La chiesa faceva parte di un antico convento benedettino di epoca normanna. Molto bello anche il chiostro, ornato con colonnine ed archi a sesto acuto e con una vegetazione tipicamente mediterranea.

 

Orari: tutti i giorni dalle 9 alle 19. Biglietto intero: € 6, ridotto € 3. Info: Assessorato Beni Culturali

 

Cattedrale

 

La costruzione della cattedrale di Palermo fu cominciata nel 1184 e presto i lavori divennero una vera e propria battaglia artistica per rivaleggiare con il vicino duomo di Monreale. Il prospetto è caratterizzato da torri, guglie e archi acuti in stile arabo-normanno. Al suo interno si trovano le tombe imperiali di Federico II di Svevia, Costanza d'Aragona, Enrico VI e altri regnanti di Sicilia. Interessante è anche la visita al tesoro della cattedrale.

 

Orari: da marzo a ottobre, feriali 9-17.30 | Festivi 9-13.30 e 16-19. da novembre a febbraio, feriali 9-13.30 | Festivi 9-13.30 e 16-19. Biglietti sono richiesti per le tombe reali, cripta e tesoro: cumulativo € 7 (ragazzi € 5), Informazioni e dettagli su orari e biglietti: Sito della Cattedrale

 

Palermo in una giornata

 

Se avete una giornata a disposizione, potete continuare la vostra visita addendrandovi tra i caratteristici vicoli del centro storico per scoprire la vitalità di questa città tipicamente siciliana. Scendendo il centrale corso Vittorio Emanuele potete incontrare alcuni caratteristici scorci monumentali come i quattro canti o la fontana pretoria o potete immergervi alla Kalsa o nel tipico mercato della Vucciria. Un po' fuori mano ma di grande interesse per la loro particolarità sono le catacombe dei cappuccini meta di tantissimi visitatori per la loro fama dovuta a tanti libri e documentari che parlano di esse.

Catacombe dei Cappuccini

 

Le catacombe dei cappuccini sono piuttosto recenti rispetto ad altri cimiteri sotterranei siciliani, essendo state utilizzate dal XVI al XIX secolo. La loro fama è dovuta alla presenza, nei numerosi corridori di circa 8000 corpi che sono stati mummificati e che sono appesi o sdraiati, vestiti con i loro abiti migliori, negli negli ambienti sotterranei delle catacombe. Sicuramente si tratta di uno dei più macabri monumenti siciliani ma al tempo stesso permette di scoprire questa antica e comune usanza funebre.

 

Orari: Tutti i giorni 9-12.30 e 15-17.30. (da fine ottobre a fine marzo chiuse la domenica pomeriggio). Biglietti: € 3 - All'interno delle catacombe è vietato fotografare Info: Provincia di Palermo

 

La Martorana (o Santa Maria dell'ammiraglio)

Questa chiesa fu costruita nel XII secolo per volere di Ruggero II il normanno. Sebbene venne più volte modificata nel corso dei secoli, questo monumento mantiene ancora la sua particolare architettura in stile arabo-normanno e all'interno una parte degli originari e grandiosi mosaici bizantini che ricordano quelli della cappella palatina. Nelle vicinanze è possibile visitare anche la bella chiesa di San Cataldo.

 

Biglietto: € 2 Info su orari e dettagli biglietti: Diocesi di Palermo:

 

Gli stucchi del Serpotta: oratorio di Santa Cita, San Lorenzo e San Domenico

 

Se finora l'itinerario ha dato modo di apprezzare soprattutto lo stile artistico arabo-normanno e gli antichi mosaici bizantini, vale la pena di visitare anche alcune delle chiese barocche della città. Tra la fine del Seicento e gli inizi del Settecento operò a Palermo Giacomo Serpotta, autore di splendidi stucchi che adornavano gli interni delle chiese. Per poter ammirare queste opere potete visitare in particolar modo l'oratorio di Santa Cita, quello di San Lorenzo e San Domenico. Quest'ultimo vanta anche dipinti di Pietro Novelli, Luca Giordano e Antonie van Dyck.

 

 Biglietto cumulativo per i tre oratori: € 5. Ingresso alle chiese gratuito. Info: www.santacita.it

Museo archeologico "Salinas"

Si trova a breve distanza da Santa Cita ed è' uno dei più importani musei archeologici di Sicilia. Contiene reperti dall'epoca preistorica a quella romana con un particolare riguardo alle colonie greche di Sicilia. Di particolare rilievo le sculture, la ceramica a figure rosse e nere ed i bronzi ed assolutamente imperdibile la sala dedicata ai templi greci di Selinunte.

 

 ATTUALMENTE CHIUSO PER LAVORI DI RESTAURO - Info: Sito del museo

 

Galleria regionale di Palazzo Abatellis

il museo si trova in un austero edificio del cinquecento. Questa galleria raccoglie dipinti e sculture provenienti da tutta la Sicilia e riferibili soprattutto al periodo che va dal XIV al XVI sec.  Tra le opere più note che vi sono conservate vi è L'Annunziata di Antonello da Messina , il busto di Eleonora d'Aragona di Francesco Laurana ed il trittico di Malvagna di Jan Gossaert.

 

Biglietto: intero € 8 (ridotto € 4). Per gli orari di apertura aggiornati consultare il sito del museo Abatellis

 

 

 

 

 

 Come abbiamo detto all'inizio dell'articolo, Palermo è una città che merita più di una giornata di visita per scoprirne i monumenti ma anche la vitalità, i colori e la gastronomia. Alcuni altri importanti monumenti di Palermo sono il teatro massimo, palazzo Steri, la Zisa, l'orto botanico o la tradizionale opera dei pupi. La loro ubicazione è un po' decentrata rispetto ai monumenti sopra descritti. Potendo visitare anche i dintorno, sono da non perdere la cattedrale di Monreale, Cefalù e Segesta.

 

 

 

Nota: Sebbene si cerchino sempre di fornire notizie precise ed aggiornate sui giorni ed orari di apertura e sul costo dei biglietti, purtroppo, capita spesso che vi siano delle variazioni improvvise. Per tale motivo, prima della visita vi invitiamo a consultare i siti ufficiali indicati nell'articolo oppure prendere contattare telefonicamente le biglietterie. Ringraziamo quanti vorranno comunicarci per e-mail cambiamenti o inesattezze.

 

 

Photo credits

S.Leggio/Sicilystockphoto.com. Foto con licenza creative commons: Cappella Palatina (acidonucleico/Flickr), San Giovanni degli eremiti (dalbera/Flickr), Cattedrale (minifig/Flickr), Catacombe dei cappuccini (giovy.it/Flickr), Museo Salinas (A.Baldassarri/Flickr), Martorana (kristobalite/Flickr). La foto dell'Annunciata è del Yorck Project ed è sotto licenza GNU

Hotels

#DomenicaAlMuseo

domenica al museo

Ingresso gratuito la prima domenica di ogni mese nei siti regionali.

pantalica tour2

Transfer per l'aeroporto di Catania

Siracusa tour

Chocomodica 2017      Mostra: Da Giotto a De Chirico a Catania     Mostra di fotografia Vivian Maier a Catania     Mostra "La porta dei sacerdoti" a Siracusa
 
Presepe vivente di Ispica 2017     settimana musica sacra monreale