logo small

Booking.com

Catania, sulla costa orientale della Sicilia, è uno dei centri più vivaci dell'isola oltre ad essere famosa per la sua posizione ai piedi del vulcano Etna. Una visita alla seconda città siciliana consente di immergersi nelle atmosfere barocche regalate dalle sue chiese e dai palazzi signorili e di scoprire il folclore siciliano visitando ad esempio il caratteristico mercato del pesce della "Pescheria". Quali sono le cose da non perdere nella visita alla città etnea?

Consigliamo di cominciare la visita dalla parte meridionale della città, la zona di via Etnea, la principale arteria viaria cittadina. Si può cominciare la passeggiata, alla scoperta della città etnea, dalla caratteristica Porta Uzeda che immette su Piazza Duomo.

 Qui si trova la bella cattedrale di Sant'Agata, (orari di apertura fino alle 12.30 circa e dalle 16.30 in poi) di origini normanne e ricostruita, in seguito, in stile barocco dall'architetto Giovan Battista Vaccarini. All'interno dell cattedrale di Catania si conservano numerose opere d'arte, il mausoleo di Vincenzo Bellini, tombe di re aragonesi e le reliquie di Sant'Agata, protettice della città, che vengono portate in processione ogni anno in occasione della festa della Santa. Dalla cattedrale è possibile visitare anche il museo del tesoro della cattedrale o le antiche terme Achilliane (orari 9-13 circa, biglietto € 3), di epoca romana che si trovano sotto di essa.

Il simbolo della città di Catania è l'elefante, rappresentato nella celebre statua del "liotru", posta al centro di piazza Duomo. Anche quest'opera venne realizzata dal Vaccarini. La base rappresenta i fiumi di Catania ed è sormontata da un elefante, proveniente da un monumento romano e da un obelisco egizio, che probabilmente ornava un altro monumento romano della città.

Sempre nella piazza centrale sono da vedere la fontana dell'Amenano, il palazzo dei Chierici e palazzo degli elefanti, l'attuale municipio. Allontanandosi da piazza Duomo è possibile imboccare bia Vittorio Emanuele //, dove si trovano la badia di Sant'Agata, un altro dei capolavori barocchi del Vaccarini e la chiesa di San Placido. Da via Leonardi, una delle numerose traverse è anche possibile raggiungere il Teatro Massimo Bellini.

Ritornando in piazza Duomo e risalendo via Etnea, si incontra invece la bella chiesa della Collegiata. Proseguendo fino all'altezza di piazza Stesicoro (anche tramite le numerose linee di autobus urbani che attraversano la città) sarà possibile visitare i resti dell'anfiteatro romano le terme dell'indirizzo e  le tre vicine chiese legate alla culto tradizionale di Sant'Agata: la Vetere, al Carcere e alla Fornace. Se siete interessati a fare shopping, troverete numerosi negozi lungo via Etnea mentre ogni mattina si tiene nella zona di piazza Stesicoro una fiera con innumerevoli bancarelle e merce di tutti i tipi dai prezzi vantaggiosi.

Di grande interesse è anche la zona ad ovest di via Etnea. Oltre alle belle chiese barocche ubicate lungo il pecorso, sarà qui possibile visitare il museo belliniano (orario dalle 9 alle 13), ubicato nella casa natale dell'artista in piazza San Francesco d'Assisi e contenente molti oggetti legati alla vita del compositore. In via Sant'Anna si trova la casa-museo Giovanni Verga (9-13.30, 14.45-19.30 - € 4). Sempre ad ovest di via Etnea sono ubicati il maestoso Monastero dei Benedettini di piazza Dante, il teatro antico e l'odeon.

Intorno alla zona di piazza Mazzini, ogni mattina, si sviluppa il caratteristico e caotico mercato del pesce della "Pescheria", un miscuglio di colori, suoni e odori che rappresentano la tradizione popolare siciliana.

Se il vostro viaggio vi consente una visita approfondita della città di Catania, sono sicuramente da segnalare ancora il Castello Ursino (piazza Federico di Svevia), fortezza voluta da Federico II di Svevia e che oggi ospita anche il museo civico e, nella zona della stazione centrale, il centro fieristico delle "Ciminiere". Qui sono ospitati diversi musei tra cui: il museo del cinema, il museo del giocattolo ed il museo storico dello sbarco in Sicilia nel 1943.

Se viaggiate con un automezzo proprio consigliamo di parcheggiare la macchina appena possibile, magari usufruendo di una delle tante piccole autorimesse private. Il traffico a Catania è piuttosto caotico e la situazione posteggi abbastanza critica. Lungo la maggior parte della via Etnea vige la ZTL (Zona a Traffico Limitato).

Molti dei principali monumenti sono ubicati nel centro storico e comodamente raggiungibili a piedi. E' anche possibile usufruire dei messi pubblici dell'AMT (abbastanza frequenti nelle zone centrali, acquistare il biglietto prima di salire). Delle simpatiche alternative per la visita alla città possono essere il trenino turistico che parte da piazza Duomo ed effettua un giro del centro storico in poco più di 30 minuti oppure il servizio di bus "hop-on hop-off" Katane Live, dotato di audioguide e che effettua un giro di un'ora circa.

 

Link utili

Hotels

#DomenicaAlMuseo

domenica al museo

Ingresso gratuito la prima domenica di ogni mese nei siti regionali.

pantalica tour2

Transfer per l'aeroporto di Catania

Siracusa tour

Chocomodica 2017      Mostra: Da Giotto a De Chirico a Catania     Mostra di fotografia Vivian Maier a Catania     Mostra "La porta dei sacerdoti" a Siracusa
 
Presepe vivente di Ispica 2017     settimana musica sacra monreale